Magnetoterapia: di che cosa si tratta

La magnetoterapia sfrutta il potere dei campi elettromagnetici per riparare i tessuti ossei e cutanei danneggiati. In base alla patologia da trattare vengono messi in campo 2 diverse tipologie di campi magnetici:

  • costanti;
  • pulsanti

I campi magnetici costanti vengono generati da magneti in cui scorre una corrente continua e si utilizzano per la cura di problematiche legate al sistema muscolo-scheletrico. I campi magnetici pulsanti, invece, si suddividono in alta o bassa frequenza, e vengono impiegati soprattutto nel trattamento di fratture ossee o gravi stati infiammatori.

 

A che cosa serve la magnetoterapia

I benefici e i campi applicativi della magnetoterapia sono molteplici; si va dall’osteoporosi all’artropatia infiammatoria o degenerativa, fino al trattamento di contusioni, distorsioni e altri piccoli traumi muscolari o articolari.

La sua efficacia è dimostrata anche nel trattamento delle fratture molto recenti o che tardano nel consolidarsi, delle patologie vascolari, per il Morbo di Sudeck e per la rigenerazione dei tessuti in caso di piaghe da decubito, ulcere vascolari e cicatrici.

 

Indicazioni terapeutiche e controindicazioni

Normalmente le sedute durano dai 30 ai 60 minuti in base alla zona e alla patologia da trattare, ma si può anche arrivare a qualche ora in presenza di fratture.

 

Il trattamento di magnetoterapia non può essere eseguito a donne in gravidanza e a portatori di pace-maker. Per chi ha una protesi articolare, placche o chiodi è, invece, necessario eseguire delle verifiche specifiche prima di iniziare il ciclo di sedute.

Contattaci adesso!

Per maggiori informazioni o prenotazioni, non esitare: chiamaci o scrivi a info@centromedicolaquintana.it.